Cosa sono i backlink e a cosa servono

“Backlink” è una delle parole più utilizzate nel mondo dell’ottimizzazione sui motori di ricerca. È importante capire bene cosa sono e a cosa servono i backlink poiché sono elementi importanti, se non fondamentali, in qualsiasi strategia SEO.

I backlink sono dei link che inseriti all’interno di una pagina la rendono definibile come “pagina risorsa” mentre la pagina a cui reindirizza il link viene chiamata “pagina destinazione”. Tramite i backlink la pagina destinazione ottiene una certa quota di valore dalla pagina da cui parte il link.

Ma esattamente a cosa servono i link nei motori di ricerca?

Quando una pagina che chiamiamo A linka una pagina B, le sta dando a tutti gli effetti un voto, ossia una referenza. Nel caso in cui la pagina A appartenga allo stesso sito della pagina B, allora parliamo di link interno.

La pagina A, tuttavia, può appartenere ad un sito differente rispetto a quello che contiene la pagina B, in questo caso parliamo di link esterni o backlink. Sono in particolare questi ultimi ad avere maggiore valore per il nostro posizionamento, anche se dobbiamo fare sempre in modo che tutte le pagine del nostro sito si linkino tra loro.

In passato, i backlink erano la principale metrica per il posizionamento di una pagina web. Una pagina con molti backlink tendeva a posizionarsi più in alto su tutti i principali motori di ricerca, incluso Google, rispetto ad una che ne era priva. Questo è ancora vero in larga misura, anche se molto è cambiato negli ultimi due anni, in meglio soprattutto. Basti pensare che qualche anno fa anche link di bassa qualità hanno aiutato alcuni siti a scalare la propria classifica all’interno dei motori di ricerca.

Ma da quando Google ha implementato il suo algoritmo, anche l’intero panorama del backlinking è mutato. Ora è importante che i link provengano da siti di qualità e che siano pertinenti con l’argomento del nostro contenuto. Se, ad esempio, abbiamo un sito di cucina e stiamo creando link da altri siti di nicchia sulle automobili, questi link non saranno utili, poiché il nostro principale obiettivo dovrebbe essere quello di ottenere link da siti autorevoli e pertinenti. Ma come facciamo a capire se un link sarà utile o meno? Ci sono determinate caratteristiche che un link dovrebbe avere:

  • Authority
  • Rilevanza
  • Anchor Text
  • Diversità
  • Posizione
  • Velocità acquisita

Ogni pagina sul web ha un punteggio di authority che è dato da diversi fattori, uno dei quali è il numero di link che riceve a sua volta e dalla fiducia che i motori danno a quella pagina. Quindi, più link riceve una pagina più authority riceve e più pagine vengono linkate più autorità viene trasferita. Questo punteggio di autorità non viene trasferito in maniera uguale ma a seconda della qualità del link e dal variare di determinati fattori. Ovviamente l’autorità di una pagina consente al sito stesso di acquisire più rilevanza: più authority possiede una pagina più sale nella SERP. Spesso accade però che una pagina non abbia solo un link in uscita ma ne abbia diversi, in questo caso l’authority viene suddivisa tra tutti i link in uscita. Il primo link è quello che ha più valore, quello che trasferisce più autorità.

Un altro importante concetto è quello di rilevanza, infatti, un link da un sito che abbia rilevanza con il sito di destinazione aumenta esponenzialmente il valore di quel link per il posizionamento nelle SERP. Un link da un sito senza rilevanza può comportare la mancata valutazione di quel link da parte dei motori di ricerca oppure, ancora peggio, una penalizzazione.

Anche gli anchor text sono fondamentali. Supponiamo che tu voglia posizionarti con “scarpe da corsa”, gli anchor text dei link che ricevi dovrebbero essere: “scarpe da corsa” o “scarpe da ginnastica” o “scarpe per correre”. È bene non esagerare con gli anchor text molto precisi, perché Google ritiene importante ricevere link spontanei e, quindi, la perfezione potrebbe saltare subito all’occhio dei robot che scandagliano la rete ed esporti a rischi di penalizzazione.

Bisogna però stare anche attenti alla diversità. Ottenere link sempre dalla stessa tipologia di sito o, peggio ancora, sempre dagli stessi siti, è vista come una tecnica di manipolazione delle SERP. Pertanto soggetta a penalizzazione.

Quindi quali sono i siti dai quali vale la pena ottenere link?

  • Siti che offrono guest post generici
  • Pagine a tema
  • Mini-blog di nicchia
  • Directory di nicchia
  • Siti usati dalla tua concorrenza

È necessario precisare che molta importanza ricopre anche la posizione del link. Il collegamento deve essere inserito all’interno del testo della pagina; non nel menu, nella barra laterale o nel footer. In queste posizioni i link hanno poco valore e i motori tendono a non considerarli.

Inoltre, dobbiamo ben tenere in considerazione la velocità con la quale andiamo a creare questi collegamenti. È una pratica altamente sconsigliata ottenere tutti i link lo stesso giorno, poiché Google si aspetta che, salvo casi di contenuto virale, il tuo sito venga linkato lentamente nel tempo.

Consiglio: se oggi crei un link, domani realizzane 2 e poi fanne tre, ma mai troppi tutti insieme.

 

Vitina
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: