Stefania: il Joblab, un’occasione nuova e vera.

“Luca, ho bisogno di parlarti. Il mio lavoro non va un granché, ho bisogno di rinnovarmi”.
Dopo un mese mi sono ritrovata tra i banchi del JobLab. Il mio ruolo è cambiato e da docente sono tornata studente.

I tempi dell’Università sono passati da un po’ e stare seduta per tante ore mi fa una fatica enorme. 10 giorni per 5 ore al giorno, ce la farò?

Ce l’ho fatta, il tempo è stato come un soffio di vento ad agosto e la compagnia sembrava quella dei migliori San Lorenzo attorno al falò.
Mancavano le chitarre e le canzonette ma c’era una luce strana e bella negli occhi di tutti.

Giorno dopo giorno e ora dopo ora mi sono innamorata nuovamente del mio lavoro e ho ritrovato, nascosta in un cassetto della memoria, la ragione per cui 3 anni fa avevo scelto di lasciare il mio lavoro riminese per tornare a Matera e fare la freelance.

Ho ritrovato le mail spedite a mio padre e l’emozione della prima volta in aula.

Ho ripercorso le paure e le insicurezze e le ho affrontate a muso duro.

Ho capito che i fallimenti fanno parte del percorso e che per rialzarsi c’è sempre tempo.

Ho scelto il JobLab per darmi un’occasione nuova e vera e ho fatto bene.

Stefania Clemente

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: