Cominday 2016: tra emozioni, idee e opportunità!

img_9448_800x533

“Credete nelle vostre idee e proteggetele, sono la vostra ricchezza!” (Giovanni Pirrone)

Una ricchezza da custodire, una ricchezza da accrescere tracciando degli obiettivi e ricorrendo alle giuste informazioni per far sì che una semplice idea si trasformi in un’azienda, un prodotto o un servizio.

Tutto questo è stato il 17 dicembre, tutto questo è stato il Cominday 2016, un evento diverso, l’evento delle opportunità.

E’ stata un’opportunità incontrare 7 grandi finanziatori e 18 PMI provenienti da tutta Italia ma è stata un’opportunità forse ancora più grande poter ascoltare degli imprenditori che hanno fatto la storia della nostra terra e raccogliere un po’ dell’esperienza di queste persone, di questi imprenditori che ci hanno creduto quando i tempi erano meno floridi e quando non c’era la possibilità di avere consigli e, magari finanziamenti, in una 10 ore ininterrotta di input e spunti, completamente gratuita.

img_4173_800x533

“Siamo partiti volendo costruire delle semplici casse, siamo andati avanti credendo in un sogno” afferma Giovanni Pirrone di CareLab Research e Widesight Lab. Dai suoi occhi traspare la passione di chi, nonostante oggi abbia diverse società e sia un imprenditore affermato, non ha alcuna intenzione di smettere di sognare e realizzare i suoi progetti.

Cinema, cultura, innovazione, digitale ma anche ingegneria, realtà aumentata, green economy, shopping e turismo esperienziale e tanto altro. Non c’è un settore che prevale, le idee sono diverse come i sogni, più volte tirati in causa dai vari speaker.

Nelle due ore di speed-date sourcer e startupper hanno dato il massimo, c’era tensione ma anche emozione, l’emozione di proporre un sogno e ottenere l’approvazione di un VC del calibro di Emil Abirascid, che di sogni e di idee ne ha ascoltati tanti.

Alla fine ad aggiudicarsi il premio di 2000 €, in servizi di marketing, offerto dalla BCC di Laurenzana e Nova Siri, sono state le idee proposte da Biomedical Lab con il suo PD-Watch, Maria Carmela Colaianni del Sisia con dei sensori per la verifica strutturale degli edifici e Francesco Blasi con Autoriparo.it, portale dedicato agli automobilisti che permette di trovare la migliore officina e non dimenticare le scadenze amministrative come bollo e assicurazione.

Ad essere premiate sono state solo tre idee ma il vero valore di questo evento è molto più grande ed esteso a tutti coloro che vi hanno partecipato, il valore che Emil Abirascid descrive cosi:

“Quel filo che unisce creatività, voglia di fare cose nuove, spirito di impresa, desiderio di superare le difficoltà di contesto si è visto in tutta la sua tensione tra le sale di Palazzo Lanfranchi” (Emil Abirascid)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: