Claudia: Il Joblab mi ha dato quella consapevolezza che mi mancava!

Porterò con me per i prossimi tempi sicuramente maggiore consapevolezza di me stessa, delle mie capacità, un quadro generale completo sul mondo del lavoro e tanta voglia di crescere e lottare.
In aula ho imparato che la mia testa aveva costruito un enorme avversario, ma è molto bello per me scrivere “aveva costruito”, questo rafforza la concretezza di abbandonare il divano e la statica che mi sono trascinata in questi ultimi anni, pronta per attivarmi nei cambiamenti.
Il mio primo giorno è stato poco chiaro, mi sono chiesta a fine lezione, ”ma cosa faremo durante questo corso?” un bel punto interrogativo, che mi ha stimolato molta curiosità. Sono arrivata al JobLab attraverso il passa parola di un amico fidato, e dentro di me c’era una richiesta di aiuto, affinché potessi sbloccarmi dai miei meccanismi, non sani, nei quali ero comoda da troppo tempo.
Uno dei momenti migliori è stato quando una compagna ha elaborato per prima una esercitazione in aula, lei doveva raccontarsi professionalmente a tutta la classe. Lì ho visto i suoi miglioramenti, la sua passione ed il suo amore verso quella che sarà la sua prossima professione. Ecco, vivere da osservatrice questo momento è stato bellissimo, fortificante e mi ha fatto capire quanta passione bisogna avere affinché tutta la nostra determinazione ci porti alla meta.
Mi manca il passaggio “determinazione” ma so che è dentro di me, e sono pronta a farlo uscire.
Un altro momento fondamentale per me è stato quando io ho eseguito l’esercizio di raccontare la mia figura professionale alla classe, a Luca, ma soprattutto alla lavagna bianca.

Ho avuto una bella sensazione, come se affrontassi di petto il problema, se ci camminassi contro, poi alla fine della lezione Luca mi ha detto una frase finale, per me molto forte, che in molti mi avevano già detto, ma in quella situazione, con quel trasporto, con quelle emozioni è stato come sentire una scossa forte di terremoto, angosciante ma di crescita.

Un grande momento è stato sicuramente l’ultimo giorno quando mi sono emozionata durante il discorso finale di Luca, e continuavo a guardarlo negli occhi, dicendogli grazie, ed anche i discorsi di alcuni dei miei compagni di viaggio, sono stati di grande crescita.

Luca Tamburrino si è rivelato un maestro costruito ad ok per questa professione, sia come insegnante che per far uscire al meglio tutti gli animi più nascosti di ogni studente. Competente, generoso, preciso e rompi palle al punto giusto, un vero professionista.

Il corso mi ha trasmesso moltissime prime conoscenze nel mondo del digitale, molti programmi, ed ho scoperto Linkedin. Tutto adesso è da studiare in modo approfondito.

Il costo del JobLab è veramente onesto.

Comincenter
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: